Iniziativa Multinazionali Responsabili

Pubblicato giorno 10 novembre 2020 - In home page

KOVI copia
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Il miglior regalo di Natale e la più potente offerta che possiamo fare quest’anno ai paesi in via di sviluppo al sud del mondo è un convinto sì all’iniziativa che voteremo il prossimo 29 novembre. Il titolo dell’iniziativa: Per imprese responsabili -a tutela dell’essere umano e dell’ambiente! Oltre 100 mila cittadini e cittadine svizzere hanno firmato l’iniziativa, 120 organizzazioni politiche, economiche, del terzo settore, ecclesiali sostengono i principi ivi contenuti. La CVS (Conferenza dei vescovi svizzeri) invita a votare sì, come pure la Comunità delle chiese riformate. In Ticino si sono costituiti due comitati per appoggiare l’accettazione dell’iniziativa. La CMSI ha aderito senza nessuna remora, proprio perché è nell’essenza stessa della missione che l’uomo debba essere privilegiato e tutelato e che il creato, di cui siamo corresponsabili vada protetto come casa comune di tutti. D’altronde i principi che sostengono l’iniziativa stanno alla base del pontificato di Francesco che non perde occasione per ricordarci che nessuno è scarto sulla terra e che del creato siamo affittuari di passaggio e che dobbiamo conservarlo per le future generazioni. Non si vuole vietare lo sfruttamento del suolo, ma che avvenga senza scrupoli, con il solo intento del guadagno.

Chi si affida al lavoro minorile o distrugge l’ambiente deve rispondere delle proprie azioni. In futuro, se accettata l’iniziativa, le multinazionali che non rispettano uomo e natura devono essere chiamate a rendere conto dell’avvelenamento dei fiumi, dello sfruttamento dei bambini, del danneggiamento del creato. Non è accettabile che certe multinazionali svizzere si facciano forti perché nei paesi in cui operano mancano le leggi o i tribunali sono corrotti. Esse devono rispondere davanti all’umanità. Devono poter essere perseguite con leggi chiare ed applicabili, secondo il codice penale svizzero. Le multinazionali dovranno agire in modo preventivo per evitare i danni della salute e dell’ambiente.

La CMSI invita pertanto a votare SI all’iniziativa. Aiutando chi vive nel sud del mondo situazioni drammatiche, con morti giornaliere e danni per le generazioni future, aiuta anche l’economia locale e aiuta, per finire, noi stessi.

image001 copia KOVI copia

 

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)