Don Angelo Treccani: un uomo infaticabile

Pubblicato giorno 9 marzo 2021 - Diario Missionario, In home page, Senza categoria, Venezuela

Don-Angelo-amministra-un-battesimo
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Impegno diocesano in Venezuela: una presenza importante!

Dal 1982, la diocesi di Lugano è impegnata con la diocesi di Valle de la Pascua, nello stato di Guarico in Venezuela. Dall’inizio è presente sul terreno don Angelo Treccani, prete del Malcantone. In questi anni si sono anche succeduti dei volontari per periodi limitati. Da oltre 10 anni è presente anche Marzio Fattorini che svolge la sua attività prevalentemente ad Espino, a pochi chilometri da El Socorro dove invece vive e lavora don Angelo. L’attività, che si articola in vari settori, tra cui l’accoglienza di ragazzi provenienti da famiglie povere e con fragilità, la fattoria in cui si allevano 100 mucche e si coltiva la terra, le mense per bambini, la falegnameria, vede impegnati numerosi volontari locali e collaboratori che da più decenni sono con don Angelo, usufruendo di trattamenti vantaggiosi rispetto a chi lavora nei dintorni nelle stesse attività. La fattoria, considerata di piccole dimensioni laggiù, raggiunge comunque i 286 ettari. Dal Ticino, il progetto è sostenuto dalla Conferenza Missionaria della Svizzera Italiana (CMSI) a nome della diocesi e dall’Associazione El Socorro con sede a Sessa. Sul posto invece è stata creata da don Angelo la Fondazione Rostros de Cristo.

fattoria 1 fattoria 5

 

Situazione in Venezuela

Dopo il governo dittatoriale di Chavez, il suo sostituto Maduro ha ridotto il paese sul lastrico. L’economia è catastrofica, l’educazione è bloccata, la sanità non ha nessun mezzo. Più di un milione di venezuelani sono fuggiti o in Brasile o in Colombia o in Cile, paesi dai quali in un passato nemmeno troppo lontano venivano a lavorare o vivere. La svalutazione annuale si attesta sui 6 zeri. Il paese occidentale per antonomasia produttore di petrolio non riesce più ad estrarlo per abbandono dei pozzi e la gente fa la fila anche tre giorni per comprare benzina. Per questo tutti si rivolgono alla nafta che però è molto inquinante. Un paese che ha fatto in passato dell’agricoltura il suo settore economico più importante, si trova adesso con la popolazione affamata e la terra abbandonata. Nessuna industria osa impiantarsi nel paese e quelle che c’erano sono scappate o negli USA o negli stati limitrofi. I capitali fuggono a causa della grande incertezza. Il progetto di don Angelo Treccani cerca di dare risposte immediate all’emergenza attorno a lui.

Sulla situazione attuale del Venezuela, ecco cosa ci ha confidato don Angelo: «La situazione assurda, inspiegabile in cui ci troviamo e la quantità di problemi che la gente deve affrontare per sopravvivere in un Paese che fino a pochi anni fa era il più ricco del continente mi mette in imbarazzo quando ne devo parlare. Non so da dove cominciare e mi pare di non poter riuscire e spiegarlo a chi non vive in questa realtà. Ho appena finito di costruire una specie di stufa in terracotta imitando le nostre stufe in ghisa di una volta, perché non si trova più gas per cucinare. Sta mancando tutto e quel poco che si trova ancora lo vendono al mercato nero politici e militari.

 

Presentazione dei progetti sostenuti dall’ Associazione El Soccorro (Ticino)

 e dalla fondazione “Rostros de Cristo (Venezuela)

 

L’associazione El Soccorro costituitasi nel 2003, nel corso degli anni ha potuto rispondere alle necessità dei progetti promossi da don Angelo Treccani.

La fondazione locale “Rostros de Cristo“ gestisce  da una quindicina di anni la casa di accoglienza per bambini e adolescenti ( casa -hogar), situata nella Finca ( fattoria) “El Porfin” a sua volta attiva in qualità di impresa cooperativa sociale  praticante l’agricoltura e l’allevamento .

 

Attualmente l’associazione ticinese mira a garantire la continuità contribuendo alla gestione di questi progetti, il cui grado di autofinanziamento è minimo.  Ad essi si affiancano:

  • la scuola “Santa Lucia “a El Socorro paese frequentata ora in regime covid pure dai bambini della casa -hogar;
  • la fornitura alla stessa e a 15 mense parrocchiali di alimenti prodotti in fattoria (mais, fagioli, latte, verdure…). In totale ogni giorno ca 1000 bambini di famiglie molto bisognose ricevono un pasto caldo. Assieme a loro un centinaio di anziani.

 

Il sostegno per la fornitura di medicinali e per le cure mediche è al momento sospeso per priorità nella gestione dei fondi disponibili. Molto difficoltoso è in questo momento il reperimento di medicinali in Venezuela. Gli ospedali non possono ricevere pazienti perché non hanno attrezzature in funzione. Don Angelo riesce a recuperare dei medicinali, a volte inviati dall’Europa per assistere delle persone malate conosciute.

 

Inoltre la gestione della fattoria comporta la dotazione e la manutenzione dei mezzi di produzione (nel 2019: colture hors sol- trapiche e panelas (lavorazione della canna da zucchero) -produzione di formaggio – mulini per farine. Nel 2020 acquisto  sementi e manutenzione  mezzi per aratura – silos – mais  – fagioli- produzione uova- camion a nafta –tanque.

 

casa accoglienza 1 cassa accoglienza 2

 

Come sostenere l’opera?

 

L’opera di don Angelo Treccani può essere sostenuta con offerte e/o donazioni sui seguenti conti:

Associazione El Socorro 6997 Sessa IBAN CH79 8030 7000 0008 3028 7

CMSI 6901 Lugano IBAN CH21 0900 0000 6900 0868 6

Le offerte sono deducibili fiscalmente secondo le disposizioni cantonali

Contatti per informazioni supplementari

 

Romano Eggenswiler, 6997 Sessa, pres. Associazione El Socorro   077 479 80 51

Mauro Clerici, 6575 San Nazzaro, pres. CMSI  079 653 20 65

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)