Venezuela

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Agli inizi degli anni ’80, don Angelo Treccani, originario del Malcantone, parte per la diocesi di Calabozo, dove il vescovo mons. Helimenas Rojo Paredes gli assegna il compito di animare e di coordinare la scuola per catechisti rurali di El Socorro. Don Angelo non sviluppa solo un progetto catechetico, ma dando spazio alle sue esperienze precedenti, forma i catechisti anche nell’agricoltura. Il suo passo successivo sarà quello di aggiungere alla scuola, anche una fattoria, El Pantanal. In seguito la diocesi verrà smembrata e nella neodiocesi di Valle de la Pascua il vescovo assegna a don Angelo la parrocchia di Espino (Stato del Guarico) e viene raggiunto da due cooperanti laici Gabriella Mella di Rancate e Marzio Fattorini di Balerna. Ma l’amore per la terra, chiama don Angelo a lavorarla e farla lavorare, assieme a collaboratori locali. Per questo vengono comperati 300 ettari di terreno a El Socorro e nasce la fattoria, dove don Angelo risiede tuttora, dopo che la parrocchia di Espino è stata assunta da una comunità di religiose venezuelane. Marzio continua la sua presenza nella pastorale sociale e giovanile, restando ad Espino.

In un secondo momento, don Angelo inizia un’esperienza diversa con una casa di accoglienza per ragazzi con difficoltà familiari. I ragazzi vivono in un settore della fattoria, seguiti da personale specializzato e frequentano le scuole pubbliche.

La fattoria si sviluppa sempre più e diventa un progetto pilota per la regione, nella coltivazione, nell’allevamento e nella lavorazione del latte. I prodotti della fattoria permettono a don Angelo e all’associazione creata in loco, di continuare l’esperienza dei ragazzi, in forma economicamente indipendente dal Ticino. Attualmente sono una ventina i ragazzi accolti.

Per un breve periodo ha funzionato anche una piccola falegnameria, facendo capo a macchinari portati dal Ticino.

In Ticino, a Sessa, è nata da tempo l’associazione El Socorro che segue e accompagna il progetto. Nella stessa sono rappresentate la diocesi di Lugano e la conferenza missionaria.

Condividi su:   Facebook Twitter Google