Sostegno alla diocesi di Wewak – Papua Nuova Guinea

Pubblicato giorno 1 marzo 2022 - Diario Missionario, In home page, in primo piano

vescovo e seminaristi
Condividi su:   Facebook Twitter Google

Nel 1988-89 sono stato come volontario laico della Svizzera Italiana in Papua Nuova Guinea. Ho lavorato nella Diocesi di Wewak alle dipendenze di un vescovo missionario verbita (SVD – Società del Verbo Divino). Da più di 100 anni i missionari annunciano il Vangelo di Gesù alla popolazione indigena di religione animista. Grande è stato il lavoro svolto dai missionari nel settore dell’educazione scolastica, nel promuovere la salute pubblica nelle zone remote e nel portare esempi e testimonianze di valori e principi cristiani fra le tribù locali spesso in lotta tra di loro. Anche dopo 33 anni dal mio rientro ho sempre mantenuto contatti con alcuni missionari e per il Natale 2021 ho voluto fare un’azione di sostegno finanziario per l’attuale vescovo diocesano Jozef Roszynksi SVD della Polonia.

Ho scritto ad una cerchia di 100 amici e famigliari, chiedendo un contributo per aiutare la  Diocesi nel sostenere le spese di formazione dei candidati al sacerdozio nell’anno propedeutico e nei successivi anni di studio e di seminario.

Anche la CMSI è stata interpellata, devolvendo Fr. 5000.- alla diocesi di Wewak.

La presenza della Chiesa in questa regione del mondo è in costante crescita, ma anche confrontata con situazioni di perdita di identità, di cambiamento e declino delle strutture e dei valori sociali arcaici. Il messaggio evangelico di Gesù con la testimonianza forte e profonda, la carità e la vicinanza dei missionari cattolici, la loro serietà nell’impegno per la gente e il loro futuro, continua a dare buoni segni di speranza per un futuro basato su una civiltà di carattere cristiano. La Chiesa locale di oggi – in confronto agli anni 80-90 – è formata sempre più da sacerdoti diocesani locali e non più da missionari stranieri. Comunque diverse diocesi sono ancora guidate da Vescovi europei o americani. La nazione vanta pure dal 2017 di un cardinale, eminenza arcivescovo di Port Moresby John Ribat. I candidati dell’anno propedeutico, gli studenti di Filosofia e Teologia del Seminario nazionale devono affrontare grandi spese che sono possibili solo con l’aiuto finanziario del Vescovo. Mons. Jozef è contento di poter ricevere questo aiuto anche da parte di cattolici dell’emisfero nord e in particolar modo da noi qui in Svizzera.

A suo nome ringrazio di cuore la CMSI, il suo comitato e il presidente Mauro Clerici per aver voluto dare questo generoso aiuto ad una giovane Chiesa lontana geograficamente, ma molto vivace e aperta all’inculturazione della fede e della dottrina cattolica, dei principi ecclesiali e delle strutture gerarchiche tipiche.

Ordin. 2022 vescovo Jozef

 

Don Martino Mantovani – sacerdote diocesano di Coira – originario di Soazza in Val Mesolcina –  attualmente Padre Spirituale presso il Monastero di clausura delle suore di San Domenico a Svitto.

Condividi su:   Facebook Twitter Google