Un’arma che dona speranza

Pubblicato giorno 20 Luglio 2022 - Haiti, In home page, in primo piano

Condividi su:   Facebook Twitter Google

“L’istruzione è l’arma più potente per cambiare il mondo”: così si esprimeva Nelson Mandela. Oggi nel mondo sono oltre 100 milioni i bambini e gli adolescenti che non sono mai entrati in un’aula o che hanno abbandonato la scuola. Appartengono in massima parte alle fasce più povere della società. Garantire l’educazione ai bambini non solo è giusto e doveroso, ma è anche uno dei migliori investimenti per lo sviluppo. Nell’impegno diocesano ad Haiti vi è stato subito a partire dal 2010 il desiderio di dare l’opportunità a dei ragazzi nel Nippes di frequentare la scuola. Dato che ad Haiti l’istruzione è sì obbligatoria ma non gratuita, con l’azione dei padrinati, assicuriamo il futuro di chi altrimenti resterebbe ai margini. In questo momento sono circa 100 i bambini e i ragazzi che sono sostenuti con un padrinato dal Ticino. Con 180 franchi annui (50 cts al giorno!!), si assicura la frequentazione durante un anno a un bambino scelto dalla direttrice del collegio Saint Joseph ad Anse à Veau (suore salesiane haitiane) o dal parroco alla scuola parrocchiale di L’Asile. Le due scuole offrono una formazione di qualità e hanno un particolare accompagnamento pure per i genitori. I nostri missionari impegnati nel progetto diocesano nel Nippes hanno anche un occhio di riguardo sulle due strutture. Il padrino da noi riceve annualmente informazioni sull’impegno e sui risultati del proprio figlioccio. Se 100 padrinati sembrano molti, tanti bambini rimangono ancora sulla strada, senza istruzione. Facciamo appello alla sensibilità di te lettore per l’adozione di uno di questi. Basta mettersi in contatto con il nostro segretariato (091 9667242, segreteria@cmsi.ws). Grazie a nome di ogni bambino a cui daremo speranza.

Condividi su:   Facebook Twitter Google